Categorie
Mondo Promo

Scompare bimba di 3 anni, la salva il suo cane

La piccola Matilda è rimasta sola per oltre 24 ore in un territorio allegato e ostile, ma è sopravvissuta grazie all’aiuto determinante del suo cane. È accaduto poche ore fa a Pilbara, nell’Australia occidentale, complice un attimo di distrazione dei genitori che ha permesso alla bimba, passo dopo passo, di spingersi molto lontano. Immediato l’allarme e l’arrivo dei soccorsi, a piedi, in auto e con gli elicotteri. Ma di Matilda davvero non c’erano tracce e la situazione era veramente appesa ad un filo, precisa la polizia locale, viste le violente alluvioni che hanno colpito l’Australia. Altissimo il rischio che la bimba potesse sparire in qualche corso d’acqua straripato: la zona era inondata di fango e la striscia di terra asciutta era appena di 600 mq. Ma dopo 24 ore di ricerche spasmodiche, è giunta la notizia tanto attesa: un elicottero aveva avvistato Matilda a circa 3 chilometri e mezzo di distanza da casa sua. Si ipotizza che la bambina, dopo essersi smarrita, abbia camminato per un po’ lungo un’insenatura per poi rimanere intrappolata dall’acqua piovuta nelle ultime ore. Un incubo per una bimba così piccola, sola e lontana da mamma e papà. Ma la sua fortuna è stato «il suo fedele cane Jack Russell rimasto al suo fianco, che l’ha protetta dai tanti pericoli e dal freddo fino all’arrivo dei soccorsi», ha scritto su Facebook la polizia australiana. Quando è stata riportata ai genitori Matilda era zuppa e infreddolita ed ancora con il viso sporco di fango: appena in braccio a mamma e papà e’ scoppiata a piangere per la gioia.

Categorie
Mondo Promo

Va a ruba il profumo “alla vagina” di Gwyneth Paltrow

“This Smells Like My Vagina: questa (candela) profuma come la mia vagina”. Trovata promozionale, ma anche e soprattutto commerciale di Goop, l’azienda dell’attrice 47enne Gwyneth Paltrow, che ha messo in vendita una candela da 75 dollari dal nome accattivante. E la cosa incredibile e’ che “L’odore della mia vagina” è andata sold-out in poche ore suscitando non poche polemiche. Alcuni grossi Magazine americani (e non solo) fanno notare “perché mai la vagina della Paltrow debba avere di suo quell’odore che non può essere naturale, visto che è l’insieme di più essenze combinate tra loro”. In effetti il profumo della candela viene descritto come “miscela di geranio, bergamotto agrumato e cedro con rosa damascena e semi di ambretta”. Inevitabilmente sui social sono arrivati i commenti più feroci, con frasi del tipo: “in che senso il suo odore è divertente?”, facendo esplicito riferimento alla dichiarazione della Paltrow sul profumo della candela, realizzata dal marchio di fragranze artigianali Heretic: “È iniziato come uno scherzo” afferma la stessa Gwyneth, che cita la collaborazione con il profumiere Douglas Little per creare una nuova fragranza. Altri hanno salacemente stigmatizzato la “volgarità di questa candela degna di un sexy shop e di una pornostar” e come “la Paltrow continui a scendere sempre più in basso in nome del denaro”. E stando al giro d’affari milionario che l’attrice americana ha messo su in questi anni proprio grazie agli articoli in vendita sul suo “Goop” – prima un blog di lifestyle – bisognerebbe chiedere alle migliaia di acquirenti che hanno acquistato questa candela e a tutti quelli che attendono torni disponibile cosa li spinge a spendere tanti soldi.

Categorie
Mondo Promo

Vandalo danneggia un quadro di Picasso

Un pregiatissimo Picasso da 20 milioni di sterline è stato brutalmente sfregiato alla Tate Modern Gallery di Londra. L’autore del danneggiamento è un giovane di 20 anni che è stato tratto in arresto e che resterà in custodia cautelare fino alla prima udienza fissata per il prossimo 30 gennaio. L’atto vandalico si è verificato lo scorso 28 dicembre. Il dipinto, “Busto di donna” realizzato nel 1944 da Pablo Picasso, avrebbe subito un profondo strappo che ne ha danneggiato la tela. L’opera dipinta a Parigi nel maggio del ‘44, negli ultimi mesi dell’occupazione nazista, raffigura l’amante di Picasso Dora Maar. Il danno non è stato ancora quantificato. Per questo si sono già mossi gli esperti e la compagnia di assicurazione che ha inviato dei periti.

Categorie
Mondo Promo

Vendetta: al matrimonio proietta il tradimento della sua sposa

È accaduto nella provincia di Fujian nella Cina sud-orientale lo scorso giovedì. È iniziato tutto con un filmato proiettato da uno sposo durante il matrimonio, diventato poi estremamente virale in tutta la Cina, perché le immagini sono decisamente esplicite. Il video mostra un lungo momento di sesso tra la sposa (la traditrice) e il cognato. Il ”sex tape” della durata di oltre cinque minuti è stato proiettato su un maxi schermo davanti a familiari e amici sorpresi proprio durante il banchetto di nozze, con il solo scopo si umiliare e punire la sposa infedele, dopo averne scoperto casualmente la relazione con il marito della sorella incinta. Sospetti e proteste da parte degli utenti del web per la tresca resa di dominio pubblico: alcuni ritengono infatti che l’incidente sia reale, mentre altri sostengono che le clip siano state utilizzate a scopo promozionale per marketing. I filmati sono stati ampiamente divulgati dai principali media in lingua cinese, tra cui Sina dalla Cina continentale, Apple Daily da Hong Kong e Ettoday da Taiwan, rendendo l’intera vicenda (e la protagonista) clamorosamente famosa.
Una delle clip è la fedele testimonianza di come si sono svolti i fatti. Alla cerimonia si sente un appello che attira l’attenzione di tutti gli invitati: «ora mostreremo i video di come sono cresciuti insieme gli sposi». Pochi secondi dopo, la sorpresa e lo sposo che accusa la sposa sul palco «pensavi che non lo sapessi?». E lei che lancia il suo bouquet al suo partner. Alla fine i due hanno costretto familiari ed amici a separarli. Gli altri video sono film espliciti sulle performance sessuali dei due protagonisti: la sposa e suo cognato.
Pare che il tradimento sia stato scoperto dallo sposo in maniera casuale, dopo aver installato una telecamera di sicurezza nella futura casa durante la ristrutturazione. Dopo il clamore suscitato dalla divulgazione, i filmati dell’incidente sono stati rimossi dalla frequentatissima piattaforma social media cinese Weibo, ma continuano a circolare su Twitter e sull’app di messaggistica WeChat. Un matrimonio finito prima ancora di cominciare, pare.

Categorie
Mondo Promo

Sparano 15 volte in testa al gatto

È accaduto ad una famiglia di Lérez-La Torre, a Pontevedra in Spagna, che ha denunciato sui social il terribile maltrattamento subito da Coqui, il loro micio. Il piccolo felino è miracolosamente sopravvissuto a ben 15 colpi di pallottole in testa, pur perdendo un occhio. Secondo le dichiarazioni di alcuni membri della famiglia, il gattino era scomparso due settimane fa ed è apparso lo scorso 25 dicembre piuttosto provato, disidratato e denutrito, ma soprattutto con 15 ferite da arma da fuoco alla testa, una delle quali nell’occhio destro, che ha perso. “Per colpirlo in questo modo in testa e in faccia lo hanno dovuto per forza bloccare in qualche modo”, ha detto Laura, la sua padrona, spiegando che l’animale stava per perdere anche l’altro occhio, perché un altro dei 15 colpi era davvero vicino di pochi millimetri. La ragazza ha così iniziato una crociata personale, invitando gli abitanti del quartiere a fornire indizi sul possibile autore del brutale gesto, che si ritiene possa avere precedenti simili su altri animali. La segnalazione è giunta immediata alla polizia locale e alla guardia civile Seprona. Su Facebook la giovane donna ha poi spiegato che Coqui “è di ottimo umore”, essendo un gatto “forte e coccolone”. Di questa storia si stanno occupando i maggiori media spagnoli, tra cui anche il sito 20minutos.es.

Categorie
Mondo Promo

Babbo Natale rapina una banca e regala i soldi

Travestito da Babbo Natale un «uomo anziano con la barba bianca», come è notato descritto, ha prima rapinato una banca a Colorado Springs negli Usa lo scorso 23 dicembre, e poi ha lanciato parte del bottino ai passanti, urlando «Merry Christmas». Del singolare fatto hanno riferito i media locali e alcuni testimoni, versione poi confermata anche dalla polizia.
«Mentre scappava – riferiscono i testimoni – tirava fuori dalla borsa i soldi e li lanciava alla folla. E poi concludeva con un bel Buon Natale». L’uomo, un anziano piuttosto arzillo, proprio qualche minuto prima aveva, infatti, rapinato la Academy Bank della cittadina americana, minacciando con un’arma gli impiegati. Ma la fuga del rapinatore travestito da Babbo Natale è durata davvero poco, tanto che è stato arrestato in una vicina caffetteria senza che opponesse alcuna resistenza. La vicenda si è conclusa con qualche passante che ha pensato bene di restituire i soldi alla banca, ma molti altri non l’hanno fatto e migliaia di dollari sono rimasti a chi li ha “ricevuti in regalo”.

Categorie
Mondo Promo

Facebook, on line i dati personali di 267 milioni di utenti

Attenzione ai dati personali su Facebook. Torna l’incubo in materia di privacy: ha creato il caos, infatti, l’annuncio di una società di sicurezza che ha scovato online un database contenente i dati personali di 267 milioni di utenti del social network. Questo sembra sia rimasto online per due settimane dal 4 al 19 dicembre, a disposizione di chiunque, liberamente consultabile, senza bisogno di inserire alcuna password, scaricabile da qualunque hacker. Stando agli esperti della società di sicurezza Comparitech, i dati potrebbero essere stati estrapolati da una piattaforma API o con una operazione di “scraping”, una tecnica di estrazione dei dati da un sito tramite software sofisticati. Quel che lascia inquieti è che nel database erano contenute informazioni personali come lo “user ID”, che identifica l’utente, nome e addirittura il numero di telefono; ed è rimasto online fino a che i ricercatori non hanno segnalato l’anomalia al provider che ha provveduto a rimuoverlo. Ma non è certamente la prima volta che i dati di milioni di utenti di Facebook finiscono divulgati in Rete. Lo scorso settembre era accaduto con un database ancora più grande di questo: 419 milioni di dati collegati agli account del social network.

E così arriva la posizione ufficiale del più grande social network esistente, Facebook attraverso un suo portavoce: “Fuga dati online prima dei cambiamenti apportati alla privacy”. “Stiamo esaminando questo problema, ma crediamo che si tratti di informazioni ottenute molto probabilmente prima dei cambiamenti che abbiamo apportato negli ultimi anni per proteggere meglio le informazioni delle persone”.

Categorie
Mondo Promo

Perde la vita per salvare i suoi cani

In California un uomo ha perso la vita dopo un tuffo nelle acque di un lago ghiacciato, nel tentativo di salvare i suoi adorati cani, precipitati durante una passeggiata. David Schmidt era a Meyers, in California del Nord, vicino al South Lake Tahoe. Come già aveva fatto tante altre volte in passato, si è avventurato di mattina presto con i suoi tre cani lungo le sponde del lago. Purtroppo però, stavolta, i suoi cagnolini sono finiti in acqua mentre giocavano, complice la rottura della lastra di ghiaccio. Il 39enne non ci ha pensato un solo istante e si è tuffato per aiutarli a uscire da quella trappola. Dopo pochi minuti si è consumata la tragedia: lui è annegato mentre i suoi cani si sono salvati. Sul posto sono intervenuti agenti dell’ufficio dello sceriffo e i vigili del fuoco di Lake Valley grazie ad una segnalazione: ma quando sono arrivati hanno trovato due cani ancora dentro e solo il giaccone di David che galleggiava a pelo d’acqua. “Forse erano lì da ore – affermano i soccorritori – Erano ancora vivi e nuotavano per stare a galla”, dimostrazione di “quanto sono resistenti i cani”. Tutti e tre i cuccioli sono stati trasportati in una clinica veterinaria, dove si sono ripresi da un principio di ipotermia. Il corpo dell’uomo, invece, è stato recuperato senza vita lontano da dove erano i cani, grazie all’ausilio di un robottino subacqueo. «Si è trattato di un tragico incidente», conferma lo sceriffo. Ma il gesto eroico ha colpito tutta la comunità che si è affrettata ad adottare i cagnolini.

Categorie
Mondo Promo

California, invasione di pesci pene

Sembra uno scherzo goliardico di ragazzi in vena di eccessi, e neanche molto elegante, per giunta. Invece è una incredibile e stupefacente realtà: Una spiaggia a 50 miglia a nord di San Francisco pochi giorni fa è stata testimone di una autentica invasione di Urechis unicinctus, una specie rara e particolare di invertebrati marini meglio noti con il nome di “pesce pene”. A riportare la notizia la rivista Bay Nature che conviene come ricordino in modo inequivocabile la forma di un pene umano. Questi animali vivono sotto la sabbia e i gabbiani ne sono ghiotti. Ma lo stesso vale anche per gli abitanti della Corea del Sud dove il suddetto pesce, chiamato gaebul, è piuttosto conosciuto come una prelibatezza servita nei mercati all’aperto. Inutile dire che per molti il pesce pene ha persino effetti afrodisiaci, abbinati ad una consistenza gommosa ed un discreto sapore agrodolce. I nordcoreani lo mangiano accompagnato da una salsa salata a base di olio di sesamo e sale oppure nella versione piccante a base di aceto e gochujang, una spezia coreana. Infine lo stesso pesce pene si rivela utile ai granchi: per loro scava innumerevoli gallerie che rappresentano rifugi perfetti, e scova il plancton che permette loro di nutrirsi abbondantemente.

Categorie
Mondo Promo

Giovane, bella e premier da record in Finlandia

È finlandese la più giovane premier al mondo. Sanna Marin è stata prescelta dal partito Socialdemocratico finlandese quale primo ministro in sostituzione della dimissionaria Antti Rinne. Con i suoi 34 anni, vanta uno scarto di ben 5 anni rispetto alla premier neozelandese Jacinda Ardern (39) e di oltre un anno rispetto al capo di governo ucraino Oleksiy Honcharuk, che ne ha 35. La Marin ha ottenuto la fiducia per un pugno di voti, proviene da una esperienza da ministro dei Trasporti, e dovrebbe insediarsi ufficialmente questa settimana; è designata a capo di un esecutivo di centrosinistra formato da cinque partiti. Idee chiare e voglia di amministrare non le mancano, nonostante la giovane età e la poca esperienza: “Non ho mai pensato alla mia età o all’essere donna – afferma Sanna Marin –
io penso al perché sono entrata in politica e alla cose che ci hanno fatto vincere tra gli elettori”, ha replicato a quanti le facessero notare il record per la sua giovane età. “Abbiamo molto lavoro da fare per ricostruire la fiducia”, ha concluso.